martedì 18 ottobre 2011

Dulce de Membrillo...ovvero... la nostra Cotognata.

Sono arrivate le mele cotogne!!
Giorni fà, Lorena , un'amica argentina che abita in città ( Trieste), mi disse che aveva trovato "pere cotogne" presso un ortofrutta in centro. Grazie Lore! Se no fosse per te, me li lasciavo scapare via!
La cotognata, questo dolce fatto con le mele cotogne , è conosciuto in Argentina con il nome di "dulce de membrillo".
In Argentina è molto popolare, assieme al "dulce de batata" che è quello fatto però con le patate dolci , conosciute anche come americane. Trovate la mia ricetta ( in italiano)quì.
Lo utiliziamo per farcire le crostate, un clasico all'ora del matè o del tè, e anche per mangiarlo assieme al formaggio , di tipo olandese, come il maasdam, un desert tipico nelle tavole argentine.
La ricetta è semplicissima!

Ingredienti ( con una resa di 900 gr. di prodotto circa)

1 kg. di mele o pere cotogne ( 4 unità nel mio caso)
Zucchero, q. b.
Acqua , q. b.

Le mele cotogne (Cydonia oblonga) possiedono una peluria naturale che copre la loro pelle.
Bisogna lavarli con aiuto di una spugna o strofinaccio,o se volete, potete anche spazolarli.
Sono parenti delle mele e pere , però per mangiarli bisogna cucinarli previamente, altrimenti sono asprignoli.

L' Argentina è una importante produtrice di questo frutto. Lo si trova facilmente in forma di dolce "in casseta", cioè in forma di matonella o confezionato nelle lattine circolari e basse con diverse grammature.
Lo si utiliza tantissimo nella pasticceria creole, come farciture delle brioche chiamate "facturas" e anche nei "pastelitos", una specie di raviolo dolce fritto che si copre di sciroppo, miele, o zucchero prima di per mangiarli, per nominare qualche essempio.
Da piccoli, ci abituano a mangiare questo dolce quando abbiamo male al pancino ( problemi con gli intestini) assieme alle crackers al acqua ( chiamate "galletitas de agua"). Questo perche "il dottore c'è l' ha consigliato" una costume molto radicata nelle case, tramandata dalle nonne alle mamme.lla vita.
Infatti , sono riconosciute le sue proprietà in caso di diarrea e disenteria.
Aiuta anche quando abbiamo la bronchite, la tosse, l'asma, perche è un espettorante.

Procediamo a preparare il dolce:

Colocare i frutti dentro una pentola e coprirli con del acqua.

Portare sul fuoco a bollire per una mezz'ora, finchè saranno teneri.

Lasciamo intiepidire i frutti dentro l'aqua, quanto più tempo rimangono lì, più scuro verrà il dolce. Questo perche le buccie procederanno a intingere il liquido se lasciate a lungo.

Ritirare i frutti, togliere le buccie e i semi , senza buttarli via. Li teniamo d'apparte già che con questi si può preparare una "jalea" cioè una gelatina, molto saporita e ricca di proprietà. Una ricetta di cui sarò debitore.

I semi delle mele cotogne sono fonte di pectina, un addensante e gelatinizante naturale molto usato per la fabbricazione di marmellate.

Si riduce la polpa in purè. La pesiamo e aggiungiamo la stessa quantità di zucchero.

Torniamo a metterlo sul fornello a cuocerlo , in particolare è meglio se utilizzate una pentola di rame o di ferro, o caso mai quelle con il fondo spesso. Il dolce sarà pronto quando incominciarà ad attacarse alle pareti della pentola.E' questo il punto giusto.

Lo versiamo subito dentro uno stampo (rettangolare o rotondo, scegliete voi) e lasciamo raffreddare.



Una volta freddo possiamo destinarlo ai mille e un capricci!
In un attacco di nostalgia, io ho voluto assaggiarlo con una cracker salata, hummmm... quanti ricordi! L'imagine della mia nonna, che me lo ofriva ogni volta che avevo i miei dolori di pancino, del male non mi ricordo più, si invece delle tante coccole !!!

Poi ho preparato dei cuoricini di dolce con il formaggio ( ho usato il maasdam come vi ho detto prima) cosi per darli un tocco d'eleganza. E questi li abbiamo mangiato con il mio maritino scambiandoci sguardi complici e pieni di nostalgial
Poi la cosa... to be continued... perche ho preparato ancora altro!
Questo post lo dedico a Lorena, la mia amica argentina, senza di lei non avrei potuto godermi di questo dolce, ( Gracias por avisarme Lore!) e a Maria Josè, un'altra argentina che abita in Spagna e che in questi giorni si è lasciata sedurre da queste mele cotogne anche producendo un dolce incredibile ( mi ha fatto vedere le sue foto per facebook!). Un beso a las dos!
Buen Provecho!!!!

1 commento:

  1. Ottima ricetta, bellissime foto. Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina

Fotos de Argentina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

E quando cucino mi piace ascoltare...