sabato 30 gennaio 2010

Il "Bizcochuelo" , il preferito tra le Torte in Argentina.



Oggi vi voglio parlare del "Bizcochuelo" (si pronuncia "bizcocciuelo").
E' infatti, un tipo di torta, un'impasto molto utilizzato in Argentina, che quà in Italia viene ben conosciuto come Pan di Spagna. Da chi sia stato portato in Argentina, di preciso non lo so. Cioè , possiamo ipotizzare tra italiani, spagnoli ,francesi, inglesi, insomma...tra i tanti inmigranti europei che popolarono la nostra terra.

Ci sono tante ricette da cui potrebbe essere nato , tra la torta genovese, il genoise dei francesi, il biscuit degli inglesi...diciamo che delle sue origini se ne discute abbastanza.

Le fonti italiane lo mettono come proprio, già che con questo nome, si dice sia stato presentato da un cuoco genovese in un banchetto in onore della Spagna a fine del '700, e forse per questo c'è un po' di confusione.

Chiunche sia stato a inventarla, questa torta elaborata a base di uova, farina e zucchero è protagonista di tutti eventi importanti nella vita delle famiglie argentina. Compleanni, matrimoni , battesimi, la si trova addobbata nelle mille forme. Sarà la sua sofficità, la possibilità di farcirla con quanto si voglia, la sua leggerezza, la si trova dappertutto e non manca mai chi la sà fare.

Passano gli anni, e continua a essere sempre presente, anche se la pasticceria argentina si è aggiornata ed offre tante altre alternative. La clase media e bassa la preferisce. Sarà per tradizione già che piace ai bambini , ripiena con il "dulce de leche", un connubio semplice, mà gustoso e che riempe la memoria di tanti di noi argentini.

Bene, questa è la mia ricetta casalinga. Quella di tutta la vita , super collaudata.
Nelle famiglie c'è sempre una persona che sà farla , e rimane a lei l'incarico ad ogni festa, di fornirla.




Ingredienti (per uno stampo di 24 cm)

6 uova
2 e 1/2 tazza di farina autolievitante ( se la volete al cacao, sostituire la 1/2 tazza di farina per cacao in polvere)
1 tazza d'amido di mais
1 e 1/2 tazza di zucchero semolato
10 cucchiai d'olio di mais
10 cucchiai di acqua tiepida o succo di arancia
1 cucchiaino di esenza di vanilla o il aroma che preferite
1 cucchiai di scorza di limone o arancia

Separate i rossi dei bianchi.
Sbattete a neve i bianchi e dopo incorporate un po' alla volta, sempre sbattendo ,1/2 tazza di zucchero come se si trattasse di una meringa.
In un'altro recipiente sbattete i rossi con una tazza di zucchero fino ad ottenere un composto bianco e gonfio.
Incorporate ora i dieci cucchiai di olio e poi i dieci di acqua o succo di arancia.
Aggiungete poi la farina setacciata miscelata con il amido di mais ed il cacao se avete scelto di farla cosi.
Alla fine incorporate la meringa tenuta da aparte con movimenti del basso verso al'alto, delicatamente, cosi l'impasto si riempe d'area e la nostra torta verrà bella alta e soffice.
Versate l'impasto nello stampo scelto previamente oliato e infarinato per evitare che si attachi.
Infornate in forno preriscaldato a 180º per 50 minuti.
Una volta fuori dal forno, lasciatela raffredare nello stampo che poi potete rimuovere.
Io di solito la taglio in tre, per farcirla con il "dulce de leche", essendo cosi molto gradita da miei amici italiani.

E in quanto alle tecniche di montaggio, se volete fare un figurone, vi propongo questa tecnica che vi spiego con le fotografie del collage di sotto. Viene chiamata "Bizcochuelo Damero" per la sua composizione che assomiglia al tavolo del gioco della dama.
Il suo montaggio e più semplice di quanto se ne pensi.
Avete bisogno di due torte, una alla vanilla e l'atra al cacao (nel mio caso ho usato uno stampo richiudibile di 20 cm. di diametro). Per farli ho semplicemente diviso la mia ricetta in due, e cosi, ho ottenuto le due tortine di cui avevo bisogno. La procedura, secondo me, risulta molto chiara guardando le foto.


E divertente e il risultato è altamente soddisfacente!

Coraggio! Provate a farla cosi la prossima volta!

Buen Provecho!!

3 commenti:

  1. Ma cosa vedo??? me l'ero persa questo post.. che torta strepitosa!!! Hai fatto un assemblaggio di tutto rispetto!!! Complimenti sei davvero bravissima!!!bacioni e buon w.e.

    RispondiElimina
  2. ma è una meraviglia, forte questa tecnica!!
    BEsos

    RispondiElimina
  3. Muy bueno tu blog TE FELICITO!!!!!!
    Marisa tu vecina de blog

    RispondiElimina

Fotos de Argentina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

E quando cucino mi piace ascoltare...