giovedì 18 giugno 2009

Milanesa a la Napolitana




Eppure questo piatto è argentinissimo!!! Cosi?! Però con questo nome tutto italiano che non si capisce di cosa parli? Ma che c'è tra una milanese e una napolitana? Un matrimonio? Più o meno. E' senz'altro una coppia italiana, nata a Buenos Aires.

C'era una volta... un piccolo ristorante (che ora non c'è più) chiamato "La Napolitana". Offrivano da mangiare piatti italiani, tra i qualli, le cotolette a la milanese, dette semplicemente "milanesas" ed è cosi che si conoscono in Argentina ad oggi. Pare che per un disguido del cuoco (forze stanchezza o troppo lavoro, si sà che in Argentina si fanno le ore piccole) li si sono brucciate le ultime "milanesas" rimaste. Per coprire l'errore, questo cuoco ebbe l'idea di aggiungere sopra di queste, il sugo di pomodoro ,utilizzato per le pizze, e in più , fette di mozzarella.

Cosi il camariere presentò ai clienti le "milanesas a la napolitana" come la specialità della casa. Finisce per fare un figurone ed ebbero tanto sucesso che si transformarono nel piatto più richiesto. Ed ancora oggi c'è sul menù di tutti i locali di gastronomia, bar e tavole calde. Perfino in ristoranti di certo livello, magari presentate in maniera rivisitata.

La ricetta è semplicissima. Sempre quella delle cotolette alla milanese.

Ingredienti

4 fettine di carne di vitello

2 uove

1/2 tazza di farina

1/2 tazza di pane grattuggiato

sale e pepe q.b.

1/2 tazza di sugo di pomodoro

4 fette di mozzarella o del formaggio fresco

Preparazione:

Condire le fettine di carne con sale e pepe. Poi, infarinare le fettine , in seguito, bagnare queste nelle uove leggeramente sbattute e finalmente impanare con del pane grattuggiato. Si possono cuocere in forno preriscaldato a 180º per 10 minuti oppure friggere in padella con del buon olio extravergine d'oliva. Un po' di minuti prima che siano pronte si tolgono dal forno (o dopo friggerli) e si mette dei cucchiai di sugo di pomodoro per sopra ultimando con delle fette di mozzarella od altro formaggio. In Argentina , a casa , a volte non c'è della mozzarella, anzi in certi posti è abbastanza costosa, allora si utilizzano dei formaggi tipo gouda o fusi, insomma quello che si ha. Finalmente le si da una passata in forno per gratinare il formaggio.

Vanno sempre accompagnate di contorni come: le patatine fritte, uove fritte, e a volte una bella fetta di prosciutto cotto.


Le cotolette alla milanese dette "Milanesas" in Argentina si consumano sopratutto di carne bovina ed anche di pollo, in quest'ultimo caso si chiamano "Supremas". Dificilmente si fanno con del tachino o del maiale, carni riservate in questo paese ad altri tippi di preparazioni.
Se vi capita di fare le cotolette , provate ad assaggiare questa variante, vi assicuro che sorprenderà e piacerà a tutti!
E sentitelo pure vostro!, perche dopotutto è un piatto nato dalle nostalgie... di quando napoletani e milanesi si sono seduti allo stesso tavolo a Buenos Aires...
Buen Provecho!!!

martedì 9 giugno 2009

Pastel di Patate e Carne



Questo piatto, secondo me, è uno dei più popolari e quotidiani nei tavoli delle case argentine. Come la pasta al ragù in Italia. E' un piatto con ingredienti semplici, reperibili in qualunque cucina, e per la sua completezza a livello nutrizionale, è un piatto unico magnifico.

Piace a tutti, sopratutti ai bambini.

Anche se non sembrarebbe, è molto facile di preparare. E poi ammette tante varianti in quanto al suo ripieno, cosa che lo fa davvero interesante. Dalla carne alle verdure o salumi con formaggi e perchè no, con del pesce, lo transformano da semplice ad elegante. C'è l'imbarazzo della scelta.

Il risultato è sempre sfizioso!

Ingredienti ( per 6 porzioni)

1 kg. di patate

2 uove

1 cucchiao di burro

3 cucchiai di farina

5 gr. di sale fino

1 pizzico di noce moscata

300 gr. di carne di bovino macinata

1/2 peperone

1/2 cipolla

1 carota

1 spicchio d'aglio

1/2 bicchiere di vino bianco

1 tazza di polpa di pomodoro

1 uovo sodo

1 cucchiaio di olive verdi tritte

2 cucchiai di uva passa

150 gr di mozzarella od un altro formaggio filante

Preparazione:

In una pentola mettere le patate con la buccia a cuocere. Dopo mezz'ora saranno cotte, togliere la buccia e usando uno schiacciapatate ottenere una purea. Aggiungere del burro ed il sale. Una volta raffredate incorporare le uove intere, la farina e la noce moscata. C'è chi mette del formaggio gratuggiato anche, potete farlo se volete, controllando pero ,la quantità di sale per evitare che diventi troppo salato l'impasto.

Per il ripieno: Tritare la cipolla, il peperone e la carota piccoli, e mettere il tutto a sofriggere in una pentola con un goccio d'olio. Una volta appassiti, incorporare della carne macinata, cuocerla per un po' ed aggiungere del vino bianco. Lasciar sfumare e poi versare la polpa di pomodoro lasciando cuocere per altri 15 minuti. Condire con sale, pepe e del prezzemolo fresco tritto. Una volta freddo aggiungere l'uovo sodo ridotto a pezzeti, le olive e la uvetta.

Per armare il pastel, untare con del olio una teglia profonda (di quelle che utilizziamo per le lasagne). Mettere uno strato di circa la metà del pure, distribuendo per bene l'impasto. Poi , aggiungere uno strato con tutto il contenuto del preparato di carne. Distribuire la mozzarella tagliate a strisce sopra la carne. Finalmente chiudere con un'altro strato di purea. Di solito, sulla superficie del pastel, faccio delle righette con i denti di una forchetta disegnando linee o quello che mi viene in mente. Giusto per darle un tocco personale. Di sopra, possiamo anche aggiungere del altro formaggio gratuggiato. Altrimenti, pennellare con del olio.

Infornare in forno preriscaldato a 200ºper mezz'ora circa.




Come quasi tutti piatti argentini, come avete visto, questo è molto ricco. Basterà acompagnarlo di una bella insalata.

E' una pietanza ottima come per asporto, se si vuole fare un giorno di picnic o in quelle occasioni di incontri comunitari.

Provatelo a fare anche voi! Non vi deluderà sicuramente!

Buen Provecho!!
Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

E quando cucino mi piace ascoltare...