giovedì 29 ottobre 2009

Ad ogni casa... il suo Puchero.


A casa mia , appena arriva il freddo in questi giorni d'autunno, alla domanda Cosa mangiamo oggi? non sarebbe per niente strano di risposta: Puchero! (si lega "pucero")


E proprio così! Molto al gusto nostrano, questo piatto "povero"? ( a questo punto il dubbio dovrebbe essere risolto) e molto popolare, gode di tante ricette come famiglie argentine ci sono.


Ad ogni casa, una versione.


Quello che non cambia è il metodo di cottura. Fatto in pentolone ( il nome Puchero viene del latino "pultarius" ed è in realtà come si chiamaba una volta la caseruola usata per cucinare) e con tutti gli ingrediente che vanno aggiunti a seconda dei tempi di cottura.


Discendente del "Cocido" (si lega cosido) spañolo, tante volte, però, senza i ceci, che nel mio paese, purtroppo, non sono molto usati.


De grande importanza è ,invece, il aggiunto delle carne rosse, bovine. E si! E' così, gente, se si parla delle "Pampas", è impossibile che manchi della carne!
La Carne in queste terre è "LA" carne ed è stato cosi dagli inizi, quando il bestiame vagabondava libero, pascolando finche quando serviva, lo si catturava.
Tante verdure anche! Patate, carote, cipolle e..... zucca! Un pienone di zucca!! Perche è cosi che viene buono il Puchero!
Perciò quando le prime zucche spuntano, Puchero sia! Risulta quasi doveroso usare le zucche così!
Poi li si può aggiungere delle patate dolci, del cavolo, e del mais dolce, in panocchia preferentemente ( se lo si trova).


In somma, tutto quanto se vuole e si trovi nel frigo.


E' una preparazione economica e di grande resa.

A casa mia, questo piatto non è stato per niente traslasciato, ed è giustamente in questa stagione , l'Autunno, quando troviamo le meravigliose zucche che va cucinato con entusiasmo.


C'è già una vecchia intesa, tra mio marito e me, quando facendo le spese, alla vista delle prime zucche, dopo un incrocio di sguardi, lui va a prendere il taglio di carne preferito, l'ossobuco di manzo, e io mi incarico di fornirmi di belle zucche!!


Vi dico subito come si prepara!

Ingredienti ( per 4 persone raddopiando la quantità di carne)
1 zucca di 600 gr.
3 carote
4 patate
2 patate americane
1 cavolo verza piccolo
1 cipolla
2 spicchi d'aglio
2 zucchine
2 ossobuchi di manzo
sale e pepe q.b.





Mettere a cuocere la carne con la cipolla e magari anche una foglia di sedano ed altra di alloro, in un pentolone con acqua fredda.
I tagli di carne usate sono tutti quelli bovini con osso. Noi preferiamo l'ossobuco, mio marito va matto per il midolo, che si mangia con del pane e sale sopra. Un prelibatezza per lui!


Pero si possono usare tutte quante usate di solito per fare il bollito, e cosi potete aggiungere anche se volete carni bianche.


In Argentina, per ragioni già sapute, si preferisce quello fatto con le carni rosse bovine e si può aggiungere qualche salsiccia, chiamata "chorizo", meglio se quello detto "colorado" rosso e piccante così come della panceta.


Ritirare la schiuma prodotta nella prima bollitura, come se si trattase di un normale brodo.


Poi decorticare e tagliare grossolanamente tutte le verdure
Pasati 30-40 minuti di bollitura delle carni, cominciare ad aggiungere le verdure in questo ordine: prima le carote, dopo le patate dolci e quelle comuni, poi il cavolo e per ultimo le zucche ed zucchine. In una mezz'ora sono tutte quante cotte.



Spegnere e condire con del sale e pepe.
Per servire, si separano le verdure per una parte, le carni per altra (come se di un bollito si trattase) e con il brodo si prepara una semplice minestra con un po' di pasta seca. Ditalini, farfalline, quello che si preferisce.



Si mangia prima questa minestra e poi si porta al tavolo le verdure e la carne con diverse salse come la maionesa, e altri condimenti tale come del olio d'oliva, sal e pepe.


Sicuramente vi ricorderà tanto al bollito, e possiamo ammetere la sua assomiglianza.


Se non fosse per la tonelatta di verdure con cui si acompagnano queste carni!!


E' sostansiozo però per niente pesante. Ideale per un pranzo di domenica o qualunque giornata fredda!


Provate ad assaggiarlo!


Buen Provecho!

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

E quando cucino mi piace ascoltare...